Home > Argomenti vari > Bouquet cercasi – anche a pagamento, pare che funziona

Bouquet cercasi – anche a pagamento, pare che funziona

3 Luglio 2007


Giovedì sera, il giorno precedente il matrimonio di Sissi, dopo cena, forse – e spero – sufficientemente avvinazzato, Vet ha esordito con un ? amore, mi prometti che domani farai la brava? ?.
Il che, per carità, può voler dire tante cose, non farti scappare la pipì in chiesa, non ti sporcare il vestitino nuovo, non incastrarti i tacchi a spillo come al tuo solito nel primo sampietrino che capita.
Ma siccome io non sono Sissi, alias non sono scema, avevo già in mente l?immagine del lancio di coltelli che sarebbe seguita a questa avventata, quanto inopportuna frase.
Ma, restando sul vago, ho optato per un ? di cosa stiamo parlando, amore ??, lasciando a lui, se credeva, la possibilità di impiccarsi da solo col laccio della presina.
E lui, non pago, impavido, prosegue con un ? voglio dire, evitiamo di litigare domani sera, so che per te è una giornata difficile, è una delle tue ultime amiche che si sposa, lui ha la mia età, insomma non vorrei che finissimo per discutere ?.
Solo un sms calmante di Margot è riuscito ad evitare che scagliassi il ferro da stiro contro quel bel visino.
Cioè, ma quanto sarai cretino?
Ma gli uomini, mi chiedo, non diventano un minimo saggi nemmeno a 50 anni?
Vuoi evitare un certo tipo di discorso DOMANI SERA quindi me lo anticipi STASERA pregandomi di non aprirlo DOMANI SERA?
Ma i neuroni tuoi so? annati a giocà a nascondino co? le particelle de sodio dell?acqua Lete?
Dopo fugaci chiarimenti, lui ha voluto spiegare l?orribile affermazione con ? volevo dire che noi del nostro futuro abbiamo già parlato, abbiamo detto che, al tempo giusto, faremo ogni cosa anche noi, non vorrei che questo evento fungesse da acceleratore ?.
E che me accelero che devi ancora divorzià? Dovrei prima investire la ex moglie.
Così che, iure hereditatis, ci potessimo anche appropriare dell?altro appartamento.

La mattina seguente, agitata più che mai, apro gli occhi alle 6.30. Cioè, mezzora prima che il parrucchiere andasse a casa di Sissi a coprirle le orecchie a sventola con l?acconciatura.
Indosso l?abito a pois, infilo il cappello da Grace.
Fuori dalla chiesa, tanta gente addobbata nelle guise più curiose.
La madre della sposa col classico capello a panettone.
La testimone, con vestito charleston fucsia e piumette in tinta sulla testa.
La mia amica F., che per me s?è rifatta le tette, d?improvviso sono espanse e sode e abbondantemente esibite in un modellino da geisha. Che, non ha bisogno del cuscinetto sulle chiappe perché è già accessoriata del suo.
L?altra mia amica M. con un cappello a piantana, che fa molto abat jour.
I presenti, metà bolognesi e metà calabresi, si studiano vicendevolmente.

Sissi arriva, accompagnata dal padre, fiero maresciallo, con tette balconate che straripano anche sugli invitati, incede con passo deciso attraverso le navate del monastero, andando a chiudere con un semplice si il cerchio di tutte le sue fatiche.

La cerimonia troppo lunga, condotta da prete cabarettista ed accompagnata da canti parrocchiali oltremodo anni 80, strema le forze di ogni presente, i bambini sono annoiati, Vet vacilla dietro alla cravatta, mentre io realizzo un vero e proprio reportage, traendo in inganno chi pensava stessi compiendo un servizio fotografico per l?intenso legame che mi lega alla sposa, ignorando che stavo solo testimoniando gli eventi per le mie amiche blogghers.

La giornata è proseguita gradevole, unica nota stonata, i sampietrini protagonisti di ogni pavimento, tra i quali ho lasciato numerose parti dei miei sandali sogno_di_sposa.
Ho mangiato dolci e bevuto alcool a sufficienza da sedare il mio nervosismo e da sembrare perfettamente padrona della mia relazione, completamente sotto controllo il corso degli eventi che porteranno anche me alla chiusura del cerchio.
Fino a quando la donna panettone, vedendomi non ha esclamato ? Carrrieeee quanto teeeempo!!!! Questo è il tuo fidanzato! Che occhi sembra Poll Iuman! E voi, a quando le nozze? ?
Guardo Vet che, forse temendo che il ferro da stiro sarebbe arrivato con un giorno di ritardo, ha risposto sorridendo ? presto ?.
Che vordì presto? Presto pe? chi? Presto rispetto a che?
Poi, quando si parla di matrimonio, non è mai troppo presto.

Ed ecco, i momenti finali.
Stavolta, non avevo che pochissime rivali.
Le mie amiche, tutte coniugate.
Le colleghe di Sissi, pure.
I parenti, troppo anziani.
Era mio.
Poi, secondo un ordine di scuderia sottinteso, ma pur sempre esistente, dalla amica più importante era stato passato a quella meno, da quella meno a Sissi, da Sissi?c?ero io, stavolta.
Peraltro, Sissi è proprio l’ultima di noi che ha acchiapato quello dell’ultima sposa, un anno e mezzo fa, durante quel match che ci ha visto lottatrici di wrestling, e che l’ha vista vincitrice solo a fronte di un lancio pilotato che però, dati gli acadimenti odierni, pare che sia comunque risolutivo.
E? il papà a ricordarle il tradizionale lancio del bouquet, che lei, stolta, stava per dimenticare.
Si guarda intorno con l?aria spaesata e dice ?ah si?devo lanciare il bouquet?..un po? esitante.
E? stordita dall?alcol o dall?ebbrezza dell?addio allo zitellaggio?
E? indecisa verso quale delle sue amiche indirizzare il lancio?
E? troppo presa dai suoi punti mille miglia?
Ie fanno male le scarpe?
E? na stronza?
Bona l?ultima.
Mi distraggo un attimo, bevo un sorso di vino, amoreggio con Vet, ed ecco, tragico scenario: una delle invitate, che peraltro era stata al nostro tavolo durante il pranzo, saluta tutti ondeggiando qualcosa nella mano destra. E? lui. Me lo ha scippato.
Vado decisa verso la sposa, e le sussurro ? se po? sapè che te dice er cervello? Vabbè che ultimamente non ci siamo frequentate molto ma?che mi significa regalare il bouquet a quer manico de scopa che c?avrà quasi 50 anni? ?
Lei, con tono comprensivo ? Ecco, appunto, il suo, di fidanzato, temporeggia da 20 anni, lei ne ha 46, che dici, non je lo potevo non dà! E’UN CASO UMANO PEGGIO DEL TUO. ”

  1. margot
    3 Luglio 2007 a 16:38 | #1

    Vorrei ricordarti che io non ho mai preso un bouquet che è uno (quando ero ggggiovane li evitavo come la peste, quando avrei voluto mi hanno sempre atterrata…)
    Piuttosto, svisceriamo il concetto di “presto” (leggi, rompiamo le scatole a quel “pover” uomo fino a stremarlo).
    :p

  2. Lian Dyer
    3 Luglio 2007 a 20:16 | #2

    ciao grazie di non aver detto “no” subito :-)
    “intervista” tipo queste nella mia homepage
    http://liandyer.blog.tiscali.it/xr3300926/
    http://liandyer.blog.tiscali.it/hh3301506/
    cioè una cavolata più che un’intervista.
    potrei prendere spunto dai tuoi articoli qui a lato :-) ma sarà totalmente improvvisato.
    ps preparati che io sono cinico :-)
    ciao

  3. zahir
    4 Luglio 2007 a 15:17 | #3

    Sei molto autoironica, brava… Cmq in fondo hai trascorso una bella giornata, dai, guarda il lato postivo delle cose!

  4. adipi
    4 Luglio 2007 a 16:04 | #4

    ma lui ti AMA, secondo me. è solo un osso duro duro duro, capitolerà.
    1) prima cosa però io farei di tutto per fargli accelerare il divorzio. con furbizia però, se ti sgama sei fritta. mi ricordo che quando anche io stavo con un separato ed insieme progettavamo l’acquisto della casa dei nostri sogni, un matrimonio e dei figli (io progettavo anche l’omicidio di sua madre, che non mi poteva soffrire) riuscii a farlo divorziare in quattro e quattr’otto cominciando ad insinuare in lui (che uipera) il dubbio che se non separati lei avrebbe potuto fare richieste di denaro e rivendicare possesso di case eccetera. E visto che lui era l’uomo più tirchio del mondo, è volato dall’avvocato. Peccato che dopo non abbia sposato nemmeno me. E tutto perchè la sua mammina gli aveva messo in testa l’idea che lo avrei spogliato di tutti i suoi risparmi. ‘Sta copiona.

  5. adipi
    4 Luglio 2007 a 17:16 | #5

    il punto, a mio avviso, è il seguente: io credo che alle nozze arriverete sicuramente. il problema è velocizzare l’iter che immagino stia diventando sfiancante. e l’iter si velocizza solo (te l’ho già detto di persona mi pare) facendogli perdere le sicurezze. scusa, carrie, ma perchè te dovrebbe sposà, quando sa che stai là, con le scarpine sogno di sposa, organizzativa, collaborativa, compagna coriacea che manco una bufera ti fa spostà? Io al posto suo farei lo stesso ragionamento: Carrie è mia. Perchè impelagarmi in tutte quelle storie pesanti e noiose (divorzio, nuove nozze eccetera), dal momento tra l’altro che già ho dato? Secondo me bisogna non continuare a chiedere, ma riuscire a far si che lui chieda. rovesciare le carte in tavola, non mostrarsi troppo romina (nei fatti) con albano, almeno ai bei tempi. devo dire che (e scusa se ti faccio perdere tempo), che ho un esempio da citarti. Avevo un’amica. un’amica cara. innamorata pazza di uno. bello, alto, scapolo. lui però per ANNI l’ha fatta sospirare. Niente legami (lei era separata con due figli), niente fidanamento, il matrimonio se lo poteva pure scordare, in giro mai insieme e via dicendo. Lei stoicamente ha tenuto duro. S’era pure ammalata (niente di grave). Ebbene, ad un certo punto lei ha detto basta. basta con i rinvii, basta con le chiacchiere, basta con i mò si e mò no. Aut aut deciso. E qualche abile strategia dell’attenzione, ingelosimenti e cose varie. Cioè nel momento in cui ha dato l’aut aut è uscita,. solo uscita con un altro, ha ricevuto dei fiori a casa. Risultato, dirai tu. Ecco, sono sposati da un paio di anni e sono felicissimi, ultra-felici insieme.

  6. adipi
    4 Luglio 2007 a 18:06 | #6

    evvabbè, quando sarà sarà. tanto arriva.
    p.s.
    hai visto quante amiche cito? fortunatamente ne ho avute molte e sono una buona osservatrice. almeno questo ;)

  7. pea_carl
    4 Luglio 2007 a 23:28 | #7

    carrie ti stimo. e scusa se il commento è stringato ma sono di fretta. comunque anche secondo me ha ragione adipi….per il semplice fatto che pure io sono una di quelle che c’è sempre…..fallo impazzire!!

    bacioooo!!!

I commenti sono chiusi.